Bambini: spiegare loro il Coronavirus con le favole

“Leggere: forte! Ad alta voce sviluppa l’intelligenza” è un progetto della Regione Toscana, realizzato in sinergia, tra gli altri, con l’Università degli studi di Perugia, finalizzato ad inserire gradualmente nel sistema d’istruzione toscano lo strumento della lettura ad alta voce nelle scuole di ogni ordine e grado.

Il gruppo di ricerca, diretto e coordinato da Federico Batini, docente di Pedagogia Sperimentale dell’Ateneo di Perugia, ha iniziato una rilevazione ‘qualitativa’ e ‘quantitativa’ con l’obiettivo di “misurare”, in questo periodo di emergenza, l’impatto delle letture ad alta voce praticate in classe ogni giorno.

Proprio perché in queste settimane l’attività didattica si svolge con altre modalità, sono state rese disponibili online una selezione di letture per tutte le fasce d’età, sia per i docenti che per chiunque voglia ascoltare e far ascoltare a bambini e ragazzi storie ad alta voce.

Sul canale Youtube di Regione Toscana una serie di capolavori della letteratura come clicca qui “Il Piccolo Principe” di Antoine De Saint-Exupéry, “Cappuccetto Rosso” dei Fratelli Grimm, “Le avventure di Pinocchio. Storia di un burattino”, di Carlo Collodi, “Le scarpette rosse” di C. H. Andersen.

Ultima novità dell’offerta una favola inedita ed attuale intitolata “Covid il Barbaro”, scritta da Sara Pizzoni, educatrice professionale, laureata in consulenza pedagogica e coordinamento di interventi formativi all’Ateneo perugino per spiegare ai bambini che c’è un nemico da combattere e per questo occorre restare chiusi in casa.

La storia, consigliata per piccoli dai 3 ai 7 anni, parla di Covid, piccolo mostriciattolo che sogna di invadere il mondo e sporcare tutto il resto della popolazione con le sue palline. Gli abitanti si rendono conto, dopo esser stati sporcati, che per battere il mostriciattolo occorre agire diversamente …