Bruce Springsteen a 70 anni cura la regia di “Western Stars”. L’album è un film

A pochi mesi dalla pubblicazione del suo 19esimo album, “Western Stars”, Bruce Springsteen diventa regista.

E’ uscito il trailer dell’omonimo film che sarà presentato in anteprima mondiale al Toronto Film Festival in settembre, per poi uscire nelle sale in autunno. È il debutto dell’artista dietro la macchina da presa che, comunque non è estraneo alla musica. Si tratta infatti di un docu-film che prendendo le mosse dal disco, si trasforma in una riflessione sulla sua vita e carriera.

“Sapevamo che non saremmo andati in tour – ha dichiarato la star del New Jersey che il 23 settembre compirà 70 anni – quindi cercavo un modo per portare un po’ di musica dal vivo al pubblico”. La pellicola-confessione, infatti, oltre a contenere riflessioni e aneddoti, propone le 13 canzoni nuove eseguite insieme ad una band e ad un’orchestra nel grande fienile di proprietà di Springsteen, vecchio di quasi cento anni. Il progetto è stato diretto da Thom Zimmy, che ha già collaborato con il cantautore al precedente documentario “The Promise: The Making of Darkness on the Edge of Town” e ha ripreso lo spettacolo teatrale Springsteen on Broadway (nominato agli Emmy).

(Foto – Instagram)