Dieta mediterranea e tisane per difese immunitarie e non ingrassare

I cibi ‘giusti’ e la loro cottura. Anche durante l’emergenza sanitaria in atto che ci costringe a casa, si possono seguire accorgimenti per mangiare bene, non ingrassare e alzare le difese immunitarie.

In una intervista rilasciata all’agenzia di stampa Dire Giacinto Miggiano, direttore del Centro di Nutrizione umana della Universita’ Cattolica e direttore dell’Uoc di Nutrizione Clinica del Policlinico Gemelli di Roma sottolinea “è importante prestare attenzione a due cose soprattutto: la prima l’aspetto della sicurezza igienica degli alimenti, delle superfici di preparazione e secondo privilegiare le cotture. Gli alimenti crudi sicuramente sono più a rischio di quelli cotti. Ma frutta e verdura non devono mancare perché, se opportunamente lavati, apportano minerali importanti. Piuttosto bisogna fare attenzione alla catena di controllo di carne e pesce”.

Sempre buona norma, poi, “cucinare i cibi a 70 gradi affinché ogni eventuale carica virale possa essere eliminata”. “Un secondo aspetto da considerare – ha aggiunto – è aumentare le difese immunitarie del nostro organismo, perciò va evitato il digiuno. Quando digiuniamo o non mangiamo a sufficienza il nostro organismo ne risente. L’alimentazione allora deve contemplare alimenti sicuri e ricchi di minerali e vitamine per rendere più forte il sistema immunitario. Lo schema alimentare – precisa l’esperto – deve essere suddiviso tra pesce, carne e uova, oltre le consuete porzioni come detto di frutta e verdura. Questo consentirà all’organismo di fare una scorta di minerali quali il rame, lo zinco, il selenio e tutto il complesso di vitamine B, B1, B6 e di vitamina D”. Bene, allora “frullati, centrifugati di frutta e verdura e spremute. Come porzioni di frutta secca tipo noci e noccioline ricche di zinco e rame che aiutano a rafforzare il sistema immunitario”.

In generale, evidenzia il dottore “la nostra dieta mediterranea è sempre un buon modello da seguire, perchè riassume ciò di cui il corpo ha bisogno. Non mancano infatti nella piramide alimentare l’uso di cereali, carne, pesce, frutta e verdura. Anche qualora ci si senta debilitati è importante continuare a mangiare e a idratarsi seppur con alimenti leggeri”.

“Se queste regole generali – conclude Miggiano – vanno bene sia per l’uomo che per la donna, un discorso a parte meritano gli anziani notoriamente più fragili. La preparazione e’ più liquida visto che possono sussistere problemi di masticazione e deglutizioni. Ultimo consiglio è bere acqua, soprattutto in presenza dell’innalzamento della temperatura basale, ma sono molto gustosi gli infusi di malva e camomilla“.