Gigi Proietti: per l’ultimo addio commozione e applausi

Un lunghissimo e commosso applauso di 5 minuti ha salutato l’ultima entrata in scena di Gigi Proietti al “suo” Globe Theatre, il teatro elisabettiano che ha creato e guidato per 17 anni nel cuore di Villa Borghese e che ora porterà il suo nome.

Ad accoglierlo, nella seconda tappa del corteo funebre attraverso Roma, tante maestranze, cittadini, amici e colleghi, e i suoi “allievi” Flavio Insinna ed Enrico Brignano.

Applausi e commozione anche in Piazza del Popolo. Qui il feretro ha fatto ingresso nella Chiesa degli Artisti dove si è svolta la cerimonia religiosa alla quale sono state ammesse solo una sessantina di persone, a causa delle normative anti-covid.

Il saluto di Roma e dei romani è stato caldo e sentito, nonostante o, a dispetto, del Covid.

La maggior parte dei presenti – e non erano pochi – indossava la mascherina, ma tutti coloro che hanno trovato un momento di evasione, uno stimolo di riflessione, una risata liberatoria ed anche un nodo di pianto nel seguire Proietti, hanno dimenticato tutto.

Non c’era più emergenza sanitaria. Oggi non si poteva non partecipare ed urlare Gigi! Grazie Gigi.

Peccato che, rientrando a casa, l’idea dell’addio definitivo è molto più concreta!

Foto – Tgcom24