“La Milanesiana 2021” ideata da Elisabetta Sgarbi per la prima volta arriva a Parigi

“La Milanesiana, ideata e diretta da Elisabetta Sgarbi, il più grande festival itinerante che promuove il dialogo tra le arti, torna in autunno con 5 nuovi appuntamenti.

A partire dal 25 settembre a Codogno (LO), arriverà per la prima volta oltre i confini nazionali, il 17 novembre a Parigi!

Un festival di respiro internazionale che tesse, ogni anno di più, relazioni e nessi tra letteratura, musica, cinema, scienza, arte, filosofia, teatro, diritto, economia e sport e che non si ferma dopo il successo di questa estate, che lo ha visto protagonista in 22 città italiane.

Il simbolo de “La Milanesiana” è La Rosa dipinta originariamente da Franco Battiato, che la accompagna sin dalla prima edizione.

Tema 2021, scelto da Claudio Magris, è Il Progresso. “Il Ballo Della Rosa” e “Milanesiana di Riviera” degli Extraliscio compongono la sigla de La Milanesiana 2021.

“Cinque appuntamenti per chiudere questa lunga Milanesiana. Cinque incontri che incrociano la scienza, la filosofia, la storia dell’arte, la letteratura, la musica – afferma Elisabetta Sgarbi Particolare menzione a due appuntamenti centrati su altrettante figure anomale del mondo scientifico, capaci di dialogare con le discipline umanistiche, in nome di un sapere ampio e non solo settoriale: Peter Galison (in dialogo con Paolo Giordano e Guido Brera) e Ervin László in dialogo con Riccardo Illy”.

Renderemo omaggio anche a un’altra figura di straordinaria importanza come Havel, a 10 anni dalla sua morte, umanista, drammaturgo e Presidente della Cecoslovacchia post-comunista. Apriremo con una mostra omaggio al ‘700 lombardo e in particolare a Pietro Magatti, curata da Vittorio Sgarbi, e chiuderemo con un incontro, a Parigi, all’Istituto Italiano di Cultura, con Ermanno Cavazzoni, Pacifico e il concerto degli Extraliscio”.

Il programma su www.lamilanesiana.eu.