Max Pezzali: vivere il cambiamento come opportunità

Il mondo, appena prima di questa emergenza coronavirus, era frenetico. C’è bisogno di far decantare le idee”.
Così Max Pezzali si racconta a Grazia, in una intervista telefonica pubblicata nel numero in edicola questa settimana.

L’artista parla dei suoi giorni di quarantena nella città dove vive vicino ai suoi genitori. “In campagna, alle porte di Pavia, se vuoi fare la spesa al supermercato, devi attraversare quattro comuni. Ma, rispetto a chi vive in città, siamo più abituati alla solitudine, all’isolamento”.

Un isolamento che non cozza con gli impegni di lavoro, né con la rinnovata solidarietà. “Gli ultimi due album – sottolinea – sono nati nella mia cantina, so organizzarmi nelle difficoltà. Il vantaggio ora è che siamo tutti complici, collaborativi, abbiamo voglia di aiutarci”.

Tra pochi mesi, il 10 e l’11 luglio, il cantante avrebbe dovuto tenere un concerto a San Siro, ma a causa dell’emergenza Coronavirus tutto potrebbe slittare. Max però non è dispiaciuto. “Il pubblico, che amo, deve rimanere protetto a casa. Dobbiamo vivere il cambiamento come un’opportunità, perdiamo qualcosa, ma ci arriverà altro. Singolarmente siamo poco, ma insieme siamo tantissimo. La priorità ora sono i nostri genitori, i nostri anziani, che vanno tutelati”.

Un ultimo, dolce, pensiero alla moglie Debora Pelamatti, sposata lo scorso anno, ed alla quale ha dedicato il nuovo singolo “Sembro matto”. “Per lei ho preso parte a una sfilata di moda, ho imparato a vivere nell’ordine, ho rivoluzionato le mie abitudini”.