Mia Martini: da 26 anni la musica ne è orfana

Il 12 maggio 1995, ci lasciava Mia Martini. Sono 26 anni che la musica ne è orfana.

Un’artista che ha saputo proporre successi rimasti indimenticabili da Piccolo Uomo del 1972, fino ad Almeno tu nell’Universo del 1989.

Un talento, il suo, cristallino che purtroppo ha dovuto fare i conti con un presente pieno di ostacoli, spesso riconducibili all’ipocrisia ed alla limitatezza di addetti ai lavori e non solo.

Solo qualche mese prima di morire, durante un’intervista rilasciata al giornalista Gabriele Bojano, Mia, il cui vero nome era Domenica Rita Adriana Berté, ribadì che il suo desiderio più grande era quello di un po’ di normalità.

Sono Mimì – disse – sono di Bagnara Calabra, abbiamo un sole noi che ci fa le radiografie appena nati. Gli odori, i colori della natura nella mia terra sono forti e violenti anche nell’animo umano. Odio essere un idolo, che male ho fatto per essere un idolo? Perché non posso essere una persona normale?“.

Il suo dolore era anche e soprattutto per gli anni trascorsi a combattere le maldicenze che avevano gettato per troppo tempo ombre sulla sua carriera condannandola alla solitudine.

Era sola anche quando, ad appena 47 anni, ha perso la vita nella sua casa di Cardano al Campo.

Quella voce straordinaria si è persa troppo presto nel silenzio, ma ancora riesce a risuonare grazie all’amore dei tantissimi che non l’hanno mai dimenticata.