Natale: l’imprenditore è il nuovo personaggio del Presepe

L’imprenditore che usa la tecnologia a simboleggiare la centralità dell’impresa che affronta nuove sfide per la crescita economica e sociale del Paese.

E’ la statuina per il Presepe 2021 promossa dalla Fondazione Symbola, Confartigianato e Coldiretti, nell’ambito del Manifesto di Assisi.

Il Presepe è una delle tradizioni che trasmette speranza e serenità anche nei momenti difficili che stiamo attraversando.

Con la spinta delle energie vere e buone raccolte sotto l’egida del Manifesto di Assisi, Fondazione Symbola, Confartigianato, Coldiretti vogliono portare un loro contributo, volto a diffondere la straordinaria attualità e forza di questa narrazione gentile.

Il Presepe è la rappresentazione della nascita di Gesù, ma attraverso i suoi personaggi serve anche a raccontare la realtà della vita di tutti i giorni.

Per questo, insieme al Bambinello ci sono fra gli altri, artigiani, casalinghe, filatrici, agricoltori, pastori e gli animali, per rappresentare la multiforme dimensione del Creato che parte proprio dalla terra.

Obiettivo dell’iniziativa è aggiungere ogni anno al presepe figure che ci parlino del presente ma anche del futuro.

L’anno scorso fu un’infermiera a ricordare il debito che ci lega in tempo di Covid a tutti coloro che operano nella sanità.

Quest’anno è l’imprenditore che ha affrontato le difficoltà della pandemia per continuare a garantire servizi e prodotti ai cittadini nonostante le limitazioni e i lockdown.

La statuina, realizzata in cartapesta dal maestro artigiano leccese Claudio Riso, è l’emblema degli uomini e delle donne di buona volontà impegnati, con le loro aziende, a costruire un futuro nuovo, all’insegna dell’innovazione e della sostenibilità.

Le statuine saranno distribuite su tutto il territorio nazionale e consegnate ai Vescovi delle 226 Diocesi.

 “La tradizione del presepe dichiara Ermete Realacci, Presidente della Fondazione Symbola nata nel 1223 a Greccio ad opera di San Francesco, è importantissima per le nostre comunità.

Abbiamo voluto aggiungere nuove attività, nuovi mestieri legati al vivere di tutti i giorni, per dare forza al presepe come chiave anche del futuro.

Quest’anno la statuina rappresenta un imprenditore con il computer immagine di un futuro che ha radici antiche.

Come ha detto Papa Francesco per uscire da questa crisi dobbiamo recuperare la consapevolezza che come popolo abbiamo un destino comune”.