Shel Shapiro è tornato: icona di una vita senza libretto d’istruzioni

Si intitola Vedrai Jerusalem il nuovo singolo di Shel Shapiro che anticipa l’album in uscita in autunno

Icona di una vita senza libretto d’istruzioni e di una generazione cresciuta a suon di rock, l’artista ha pubblicato dal 7 maggio anche il video ufficiale del brano.

Girato da Alex Ratto, si apre e si sviluppa con immagini girate indoor.

La scena finale, che riprende l’artista mentre cammina in un campo di fiori soleggiato, riassume il messaggio principale della canzone: affrontare la vita con uno sguardo al futuro.

‘Vedrai Jerusalem’ è un invito ad andare avanti? Un grido di speranza o di rabbia? Una “chiamata alle armi”? O semplicemente uno spaccato di realtà … Sta a chi ascolta deciderlo” ha dichiarato Shel, lasciando aperta al pubblico l’interpretazione.

Vedrai Jerusalem è prodotto e arrangiato da Filadelfo Castro e dallo stesso Shel, che ha anche composto e scritto il brano.

Autore, arrangiatore e produttore ma anche attore di cinema, tv e teatro Shel Shapiro è un artista a 360 gradi, testimone e protagonista delle trasformazioni culturali dagli anni ’60 fino ad oggi.

Nato in Gran Bretagna da una famiglia ebrea di origini russe, all’avio della sua attività di musicista in Italia ha rappresentato con grandissimo successo la più efficace e credibile presenza “beat” nel panorama musicale nazionale.

La sua musica è diventata colonna sonora di quella generazione e i suoi concerti, ancora oggi, riescono a catalizzare l’attenzione di un pubblico trasversale, dai “giovani” della beat generation anni sessanta alle nuove generazioni.

Mia Martini, Patty Pravo, Gianni Morandi, Mina, Raffaella Carrá, Riccardo Cocciante, Ornella Vanoni, Paco De Lucia, Luca Barbarossa, Carlos Beneven, I Decibel e Enrico Ruggeri, Bill Conti, Quincy Jones, Paul Buckmaster, Jose Luis Rodriguez: sono soli alcuni dei nomi con cui Shel Shapiro ha avuto collaborazioni artistiche.

Tra i progetti cinematografici e televisivi nei quali ha recitato: Brancaleone alle crociate, regia di Mario Monicelli (1970), Rita, la figlia americana (insieme a Totò) regia di Piero Vivarelli (1965), Finalmente la felicità, regia di Leonardo Pieraccioni (2011).

A febbraio di quest’anno è uscito il singolo Non Dipende Da Dio che insieme a Vedrai Jerusalem anticipa un album in uscita questo autunno.