Turismo: Enit a Berlino per raccogliere le sfide del settore

L’Italia con l’Agenzia Nazionale del Turismo Italiano fa tappa virtuale in Germania.

La rassegna Itb, la più importante fiera tedesca dedicata al turismo, quest’anno avverrà su piattaforma digitale Itb Now dal 9 al 12 marzo.

Enit ha coinvolto 385 tour operatori, 11 Regioni: Abruzzo, Basilicata, Campania, Emilia-Romagna, FVG, Liguria, Lombardia, Piemonte, Puglia, Toscana, Trentino e la  Repubblica di San Marino (+ 3 aziende della Rep. San Marino, 3 comuni italiani: Genova, Sanremo, Bordighera, 93 operatori privati.

La proposta turistica della quale Enit si fa portavoce, è fondata sui paradigmi dell’accessibilità, della sostenibilità e dell’innovazione e saranno moltissimi gli eventi e le iniziative per mostrare le bellezze del Made in Italy in sinergia con le regioni italiane sulla piattaforma virtuale.

Responsabilità e affidabilità sono cruciali per ristabilire la fiducia dei consumatori, insieme al pass turistico di cui si sta discutendo in Europa.

Nel 2020, nonostante le difficoltà, grazie ai suoi sistemi di engagement, rivolti ai potenziali turisti e agli operatori turistici di tutto il pianeta, Enit ha raggiunto oltre un miliardo di persone e proseguirà per spingere le prenotazioni verso il Paese, non appena sarà possibile.

Dall’altra parte, la partecipazione all’evento, consente anche di intercettare ed accogliere le sfide rivolte al comparto turistico.

Non a caso, tra le nuove proposte di cui Itb Now si farà portavoce, le nuove frontiere del turismo con focus specifici sul mondo lgbtq+.

Negli ultimi anni questo segmento ha registrato una crescita costante e oggi è sempre più riconosciuto come un importante veicolo per lo sviluppo economico e competitivo delle destinazioni turistiche.

Un segmento che muove oltre 211 miliardi di dollari l’anno con circa 35 milioni di turisti Lgbt, generalmente alto spendenti, che contribuiscono ad aiutare le autorità e gli operatori locali nella distribuzione della stagionalità e nella gestione delle risorse della destinazioni, in una logica inclusiva e sostenibile.

Rispetto al perché Enit creda così tanto nella partecipazione alla fiera tedesca, la Germania – si legge in una nota – è storicamente il principale paese di provenienza in Italia per flussi turistici e per spesa turistica.

Oltre 7,6 miliardi di euro di introiti in Italia nel 2019 con un aumento del +7,4% rispetto al 2018 ed una quota parte del 17,2% sul totale internazionale.

I clienti tedeschi fanno registrare quasi 59 milioni di notti nel complesso degli esercizi ricettivi italiani nel 2019 (+0,1% sul 2018), che aumentano del +22,8% rispetto al 2010 (47,8 milioni di presenze) e rappresentano il 26,6% sul totale internazionale.

Le regioni preferite continuano ad essere Trentino Alto Adige con 19 milioni di presenze, Veneto con 16 milioni e Lombardia con 5,2 milioni. Insieme raggiungono una quota del 69,0% circa sul totale.