Achille Lauro punta al mondo del metaverso ma prima c’è Sanremo!

Achille Lauro punta al mondo del metaverso per raccontare il suo ultimo album “Lauro – Achille Idol Superstar”.

L’artista, primo in Europa – preceduto a livello mondiale solo da Travis Scott, Lil Nas X e Ariana Grande – ha infatti deciso di dar corso alla sua volontà di sperimentare realtà nuove con il progetto Roblox.

Si tratta – sottolinea una nota – del primo evento nella terza dimensione che mette insieme fashion e musica, in un’esperienza che consentirà di raggiungere i fan attraverso una tipologia d’interazione che guarda al futuro e alle nuove generazioni.

Gli utenti che parteciperanno potranno essere Lauro, vestirsi come Lauro, comunicare con Lauro e vivere la sua musica in maniera innovativa con le logiche del gaming.

L’avventura nel metaverso permette di scoprire la vera essenza dell’artista e la natura intima delle relazioni in una realtà nuova, in cui tutti possono essere tutto di noi e in cui ciò che resta sono le espressioni delle nostre anime.

Intanto però, dopo 26 dischi di platino, 12 dischi d’oro, il successo di Rolls Royce, Me ne frego, e dei cinque quadri portati in scena nel corso dell’ultima edizione in veste di superospite, Lauro tornerà sul palco dell’Ariston.

Sarà il quarto anno di fila – un record assoluto – e lo farà gareggiando con il brano Domenica“, scritto da L. De Marinis, S. Manzari, D. Petrellae musicato da M. Ciceroni, M. Cutolo, G. Calculli, S. Manzari.

Ad accompagnarlo l’Harlem Gospel Choir, uno dei cori gospel più famosi al mondo, mentre la direzione d’orchestra sarà affidata a Gregorio Calculli.

Nella serata delle cover del 4 febbraio, invece, Achille Lauro proporrà Sei bellissima con la stessa autrice e interprete del brano originale, Loredana Bertè.

Anche quest’anno sarà Gucci a curare la sua immagine.

Comunque, è dall’11 febbraio, che sarà disponibile “Lauro – Achille Idol Superstar” , nuova edizione dell’album Lauro.

7 nuove bonus track concludono l’ultima opera, naturale prosecuzione evolutiva del percorso fatto con 1969.

Il processo creativo subìto da questi brani – tra le mura di uno studio costruito per l’occasione sull’isola che è stata casa dell’artista per più di cinque mesi – ha richiesto un lungo tempo di lavorazione, per poi intrecciarsi con l’album Lauro.

Tra collaborazioni con importanti autori e compositori e brani più intimi scritti in momenti di piena solitudine, “Lauro – Achille Idol Superstar” si presenta come un ibrido.

Le nuove tracks cercano di aprire un varco che porta dritto alla musica internazionale, staccandosi dalle logiche di mercato con l’obiettivo di spingersi verso un mood autentico e originale.

La cover è un’opera originale degli artisti internazionali contemporanei di origine italiana Miaz Brothers, attivi tra Londra e Valencia.

La tecnica pittorica che utilizzano è estremamente particolare, perfetta per raccontare l’esperienza musicale di quest’album rappresentando la libertà di scegliere di essere ciò che si vuole essere, lasciando aperte interpretazioni, senza definizioni precise.