Angelina Mango: il look a Sanremo? voglio che arrivi libertà in tutte le sue accezioni

Spero di essere sincera e libera d’indossare quello che mi pare, quello che arriva alle ragazze che non si vestono in un certo modo: voglio che arrivi libertà in tutte le sue accezioni. Coprirsi o scoprirsi, non aver paura degli sguardi altrui o di sé”.

Così Angelina Mango, nell’intervista resa al magazine Grazia, che le ha dedicato la copertina, anticipa quello che sarà il suo look sanremese.

La cantante 22enne, che debutterà sul palco dell’Ariston con un brano  urban folk dal titolo La noia, ha posato per il magazine, aprendo lo spazio speciale dedicato alla kermesse, ed ha confidato alla scrittrice Valeria Parrella la strada che l’ha portata fino a qui.

Oltre a sottolineare il suo intento di portare a Sanremo l’energia di una generazione di donne che vogliono sempre esprimersi in totale libertà, non ha nascosto il timore.

Ho paura perché tutti me ne hanno parlato nella vita come del palco più spaventoso, ma anche più bello – ha detto – Sono molto fiera, forse me lo sono meritato”.

Ha anche aggiunto “non so come affronterò questa paura, ma so una cosa: che se andavo a scuola, più studiavo più l’interrogazione andava bene. E quella è una garanzia. Cerco di essere “settata” perché – capisci? – anche mentalmente ho stimoli giganti”.

Nel corso dell’intervista Angelina Mango ha anche raccontato altro di sé.

Della sua infanzia a Lagonegro, in provincia di Potenza in Basilicata, e il legame fortissimo con la sua famiglia (il padre è il cantautore Mango, la madre la cantante Laura Valente) e con la musica.

La verità è che al talento va dedicato il tempo, l’impegno e il sacrificio. Io sono cresciuta lavorando su questo talento – ha raccontato – e poi c’è l’amore per quel che si fa, che è la cosa più importante che ti fa andare avanti anche quando fai i buchi nell’acqua”. 

Foto – archivio Radio Subasio