Extraliscio: arriva “E’ bello perdersi”. Singolo e video

Si intitola E’ bello perdersi, il nuovo singolo degli Extraliscio pubblicato il 16 aprile.

Il sorprendente e folle “tango-rock” è estratto dall’omonimo album, proposto in digitale, doppio cd e doppio vinile 

Il brano è stato scritto da Mirco Mariani e Elisabetta Sgarbi e composto da Mirco Mariani che lo ha registrato con il ‘Mariani Orchestrone’.

Si tratta di un’invenzione nata nel Labotron di Bologna dell’artista che gli consente di suonare da solo più strumenti contemporaneamente, ed è stata adottata anche per gran parte dell’album “È bello perdersi”. 

Il singolo, accompagnato dal videoclip diretto da Elisabetta Sgarbi, è stato girato al Globe Theatre di Bologna, un cabinet de curiosité labirintico pieno di oggetti di arredamento vintage. Un mondo paradossale e festoso che ben rappresenta l’anima degli Extraliscio.

Mirco Mariani, lo scienziato pazzo della musica, e sua figlia Gilda si muovono con naturalezza tra gli oggetti raccolti negli anni dal visionario scenografo e costumista Steno Tonelli … non basteranno scarpe di cemento per far rimanere Mirco con i piedi per terra!

Dopo il successo al 71° Festival di Sanremo con Bianca Luce Nera, continua la missione di Mirco Mariani, Moreno Il Biondo e Mauro Ferrara di contaminare la tradizione con un mondo ricco di suoni e arrangiamenti, allo stesso tempo popolare e colto.

Prodotti da Elisabetta Sgarbi, fondatrice e Direttrice de La nave di Teseo Editore e del Festival Internazionale La Milanesiana, gli Extraliscio fanno incontrare la musica della Romagna con le chitarre noise, l’elettronica, il rock, il pop in un’esplosione di suoni, ironia e libertà.

In uscita al cinema nella primavera/estate di quest’anno, inoltre “Extralisco – punk da balera. Si ballerà finché entra la luce dell’alba”, il film di Elisabetta Sgarbi dedicato al gruppo e alla tradizione musicale romagnola.

E’ stato presentato in anteprima alle Giornate degli Autori, nell’ambito della 77ª Mostra del Cinema di Venezia e al Festival Internazionale del Cinema di Berlino.

Il film ha già ricevuto il Premio SIAE per il talento creativo, conferito a Elisabetta Sgarbi, e il Premio FICE (Federazione Italiana dei Cinema d’Essai) a Mantova.