Festival di Sanremo: Ops … Gianni Morandi ha rischiato l’eliminazione!

Tra un mese sarà Festival di Sanremo, ma ci sono notizie che rischiano di far tremare la terza edizione condotta da Amadeus.

Un allarme durato, in verità, poche ore, che ha riguardato Gianni Morandi.

Da quanto riportato da All Music Italia, infatti, il cantante avrebbe pubblicato per sbaglio sulla sua pagina Facebook il brano che porterà all’Ariston, dal titolo Apri tutte le porte, scritto da Jovanotti.

Nel sito era stato sottolineato “sarebbe apparso un video backstage in cui era possibile ascoltare gran parte della canzone. Dopo circa una mezz’ora il video in questione sarebbe stato eliminato dal profilo di Morandi“.

Un allarme rientrato, come evidenziato anche via social da Tv Sorrisi e Canzoni.

Niente paura – si legge – Gianni Morandi è ancora in gara. La pubblicazione involontaria di un video nel quale si sentivano una quarantina di secondi del brano sulla pagina Facebook dell’artista, subito rimosso, non sarà motivo di eliminazione.

Nella clip il pezzo si sente mentre viene commentato dal cantante in compagnia di Mousse T e Jovanotti che hanno scritto e prodotto il pezzo “Apri tutte le porte”, una sorta di “making of” del brano.

Gianni Morandi, che da solo gestisce i suoi social, ha involontariamente pubblicato il video che stava vedendo privatamente“.

Morandi torna in gara al Festival 2022 dopo essere stato per due edizioni il direttore artistico e conduttore della kermesse, nel 2010 e 2011.

Secondo il regolamento di Sanremo, le canzoni portate in gara devono essere inedite e inascoltate prima di approdare sul palco dell’Ariston, ma la “distrazione” di Gianni Morandi – che ha dimostrato, una volta di più, che è proprio lui ad occuparsi dei suoi social – non è stata considerata così grave da imporre l’eliminazione.

Se pensiamo a precedenti analoghi, Fedez, poche settimane prima di Sanremo 2021 aveva inavvertitamente pubblicato alcune stories su Instagram in cui si potevano ascoltare stralci della canzone che avrebbe presentato con Francesca Michielin, Chiamami per nome.

L’organizzazione, anche in quel caso, aveva deciso che non ci fossero gli estremi per la squalifica, consentendo alla coppia, che poi si sarebbe classificata al secondo posto, di gareggiare.

Foto – Instagram