Ghali regala una barca per la ricerca e il soccorso in mare dei migranti

Ghali non si ferma alle parole e va ai fatti. Da fine agosto sarà infatti operativa la prima “rescue boat”, acquistata con la donazione dell’artista. Si chiamerà “Bayna”, che significa “vederci chiaro”, e sarà l’unica nave battente bandiera italiana della “Flotta Civile” di ricerca e soccorso nel Mediterraneo Centrale.

Sono diventato grande e da oggi “Bayna” non è più solo il titolo di una mia canzone ma anche quello di una nuova barca di salvataggio”, ha fatto sapere in un lungo post accompagnato da un intenso video.

Da sempre sensibile al tema del soccorso in mare dei migranti, continua: “Fin da bambino questo è un argomento sempre presente nella mia vita, amici, cari e parenti sono stati colpiti e traumatizzati da quello che succede ogni giorno nel Mediterraneo. Ogni anno muoiono centinaia di persone in mare… Questo è un tema di cui si parla poco nel nostro paese, per questo ho deciso di sostenere @mediterranearescue donando un’imbarcazione che permetterà al team di proseguire le missioni di soccorso nei prossimi mesi… ogni nave di salvataggio in più in mare può fare la differenza tra la vita e la morte per migliaia di donne, uomini e bambini in viaggio… Quando abbiamo iniziato a fare rap non pensavamo di ricevere qualcosa in cambio, poi siete arrivati tutti voi e mi avete cambiato la vita. Per questo, da essere umano mi sento in obbligo di restituire qualcosa alla comunità. L’operazione Bayna ha l’obbiettivo di sostenere chi salva vite in mare e di fare luce su un’argomento importante per il genere umano, il mio contributo è solo una scintilla e sono sicuro che insieme possiamo fare veramente la differenza”.

(credits Instagram)