Vasco Rossi, che pensava “non ci si può fidare della sincerità…”

Il prossimo primo gennaio uscirà “Una  Canzone d’Amore Buttata Via”, il nuovo attesissimo singolo di Vasco Rossi che intanto racconta sui social i vecchi successi. Su Instagram ha pubblicato un video mentre canta “Brava” e scritto: “È stata la mia prima storia d’amore vera. Avevo 17 anni. Allora c’erano le rivendicazioni del femminismo e il mito della sincerità”.


Mi metto insieme con questa ragazza – racconta – di cui ero innamorato e dopo un po’ di tempo lei mi fa: “Dimmi la verità, quest’anno hai avuto delle altre storie? Guarda che se me lo dici non c’è problema”. E io, ingenuo… le racconto che avevo avuto due storie… erano storie di prima… Per me davvero contava solo lei. Mi ha mandato a cagare e se n’è andata. E mi è crollato il mondo addosso. Ho pensato: “Allora non ci si può fidare della sincerità “. Questa è stata un’altra delle delusioni che mi ha segnato perché io ci credevo al fatto di dirsi tutto con sincerità. Dopo una settimana è tornata. Io soffrivo come un cane e lei mi fa: “Guarda, io non riesco a lasciarti, torniamo insieme. Al massimo aspetto che sia tu a lasciarmi”. Da quel momento lei ha sistematicamente incominciato a distruggermi. Diciamo che tutti i miei difetti li conosco perfettamente grazie a lei. In due anni mi ha massacrato. Poi la storia è finita. Un sacco di canzoni che ho scritto le ho scritte per colpa sua.. da “Brava” fino a “Io no”.. tanto che dovrei darle una parte dei diritti d’autore”.

Anche Il Blasco sostiene Scena Unita, il fondo a sostegno di lavoratori dello spettacolo e sempre su Instagram spiega come presentare la domanda…

(credits Instagram)