Sanremo 2020, Irene Grandi torna con “Finalmente io”… scritta da Vasco

Irene Grandi è tra i Big della 70esima edizione del Festival di Sanremo. Per l’occasione torna all’Ariston con un brano firmato da Vasco Rossi (con Roberto Casini, Gaetano Curreri e Andrea Righi): “Finalmente io”. La canzone è un invito a guardarsi allo specchio e perdonarsi.

https://www.instagram.com/p/B7JNoZjojpx/

Cantare questa canzone è un po’ come guardarmi allo specchio e vedere chi sono. Gli errori, i limiti, le mancanze della mia vita, schiaffate nero su bianco. E in mezzo a questa palude finalmente trovare il fior di loto. Il canto che è il mio talento, e il cantare, diventano il momento straordinario della mia esistenza. Grazie Vasco, non poteva esserci regalo più bello di una canzone in cui mi svelo e poi mi perdono, dichiarando il mio amore al canto… Tutti soddisfatti..!! sentirete che..bomba!“, ha scritto Irene sui social per ringraziare il rocker di Zocca.

È la terza volta che Vasco prende carta e penna per scrivere versi che fotografano momenti decisivi della crescita artistica e umana di questa straordinaria interprete che aveva già portato sul palco sanremese “La tua ragazza sempre” – scritta da Vasco e Gaetano Curreri – nel 2000, classificandosi al secondo posto. Nel 2003 Rossi e Curreri avevano poi composto per lei “Prima di partire per un lungo viaggio”.
“Finalmente io” e un altro brano inedito, “Devi volerti bene” (che la stessa Irene ha firmato con Curreri, Romitelli, Casini e Pulli) entreranno a far parte della speciale edizione di “Grandissimo” (in uscita il prossimo 14 febbraio), l’album dei suoi primi 25 anni, vissuti “alla Grandi”.

Non solo il pezzo del Blasco a Sanremo però. Nelle serata di giovedì 6 febbraio, quella dedicata alle cover e ai duetti, Irene ha scelto di reinterpretare, accompagnata da Bobo Rondelli, un brano che ha fatto la storia della musica italiana, e soprattutto del Festival: “La musica è finita”, portato al festival da Ornella Vanoni nel 1967.

Per la serata delle cover ho scelto una canzone dei magnifici anni Sessanta, periodo d’oro della musica italiana per cui ho una grande passione e al quale spesso ho attinto. Interpreterò LA MUSICA È FINITA con @bobo.rondelli cantautore livornese che ha il fascino maledetto e a volte malinconico dell’uomo di strada, di un artista che vive a fondo la musica, con intensità. E in questo mi ricorda lo stesso Califano, co-autore del pezzo insieme al grande Bindi“, ha scritto l’artista su Instagram.

(credits Instagram)