Tanti artisti per “Scena Unita”, il fondo a sostegno dei lavoratori dello spettacolo

Il Covid ha messo in crisi molti settori, tra questi anche quello della musica e dello spettacolo in generale. Gli artisti non sono stati a guardare, così è nata Scena Unita, il fondo a sostegno di lavoratori dello spettacolo. L’idea è stata di Fedez, anche se lui ci tiene a specificare: “E’ stata un’opera di coesione vera, se ci fossi stato solo io non avrebbe avuto la stessa valenza”.

Oggi il rapper, orgoglioso, parlando del progetto ha detto: “Sono veramente felice di comunicarvi che abbiamo raccolto 2 milioni di euro”.


Sono state due settimane molto intense, abbiamo lavorato giorno e notte per rendere possibile tutto questo, un fondo che potesse correre in aiuto di tutte le famiglie di un settore tra i più colpiti durante questa emergenza. Ogni artista presente ha partecipato a questa iniziativa donando in prima persona… Estendiamo l’appello a tutti gli artisti che vogliono dare una mano a questo grande progetto”, ha concluso.

La raccolta quindi prosegue, chiunque può dare il suo contributo. Ermal Meta, che da subito ha appoggiato l’iniziativa, ha scritto su Instagram: “L’emergenza sanitaria ha messo in ginocchio un settore già duramente provato da anni di negazioni dei diritti di questo settore e lavoro. Ci siamo uniti in tanti per dare vita a questo progetto e siamo orgogliosi di averlo fatto in così poco tempo. Ci auguriamo che anche lo stato faccia la sua parte in quanto sui palchi non ci vanno solo i cantanti. Grazie a tutti quelli che hanno preso e prenderanno parte”. 

Ecco alcuni degli artisti che hanno già aderito a Scena Unita: Achille Lauro; Alessandra Amoroso; Amadeus; Carlo Verdone; Chiara Ferragni; Claudio Baglioni; Elisa; Emma Marrone; Ermal Meta; Fabrizio Moro; Fiorello; Gianna Nannini; Gianni Morandi; J-ax; Mahmood; Maria De Filippi; Michelle Hunziker-; Paolo Bonolis; Sabrina Ferilli e Tommaso Paradiso.

(credits Instagram)